Via del Paustore Faustolo, 3 - Roma

06 45420171 - 373 8149285 info.fonderia@gmail.com

I Docenti

I docenti provengono dalla stessa formazione accademica. Ognuno di essi vanta esperienze lavorative di alto livello nel campo del teatro, del cinema, della teoria dello spettacolo, della didattica accademica.

Si tratta inoltre di professionisti abituati a condividere esperienze creative e produttive. Tutti loro, infatti, da ormai 14 anni, animano le attività del Gruppo Teatrale “Circo Bordeaux” partecipando direttamente ai progetti e agli spettacoli proposti fin dal 1999.

 

Massimiliano Davoli / Recitazione cinematografica

“Recitare davanti a una macchina da presa non significa solo essere “naturali”.

La differenza tra quel tipo di naturalezza e una verità ricca di spessore sta nell’essere padroni dei propri mezzi a tal punto da potersi abbandonare al personaggio, e nella giusta lettura delle battute.
Il corso, lavorando sia sull’improvvisazione sia su scene tratte da film, mira allo studio e all’approfondimento della consapevolezza di ciò che si vede sullo schermo, della micro-recitazione, della concentrazione, del rilassamento, dell’ascolto, della capacità creativa davanti alla macchina da presa.”

BIO

Si diploma nel 2000 all’Accademia Nazionale d’Arte drammatica Silvio D’Amico. La sua carriera si divide tra la recitazione e la regia.
Subito dopo il diploma lavora per anni in grandi turnè con registi come Walter Manfrè, Roberto Guicciardini , Antonio Salines , Alberto Gagnarli .
Nel 2003 si trasferisce a Londra dove prende parte al film di Peter Greenaway THE TULSE LUPER SUITCASES Rimane a Londra per 3 anni dove lavora nelle fiction della BBC, CARAVAGGIO, THE POWER OF ART, e di MTV, EXIT
Al ritorno in Italia va in turnè per due anni con il ruolo da protagonista nello spettacolo LE SORELLE MATERASSI per la regia di Maurizio Nichetti. Subito dopo prende parte alla fiction Orgoglio.
Nel 2006 gira il doc-reality  ‘ROUND THE WORLD durante un viaggio intorno al mondo di cui è anche protagonista. Nel 2007 produce,dirige e interpreta il cortometraggio 33 SECONDI che va in concorso vincitore del festival Ciak sul Fermano oltre ad aver partecipato a diversi festival internazionali tra cui il Rome Indipendent Film Festival, Pifan Film Festival Seoul e il Temecula Film Festival, California.
Nel 2011 fa parte del cast de IL GIOVANE MONTALBANO.
Ha lavorato nell’ultimo film di Carlo Lizzani, SCOSSA, presentato al festival di Venezia nel 2012.
Ha fatto parte della serie SQUADRA ANTIMAFIA 5 e del film UNA STORIA SBAGLIATA, con Isabella Ragonese per la regia di Gianluca Tavarelli.
Nel 2014 termina il road-movie A BURNING DREAM, il film viene presentato al Festival di Berlino 2014 ed è vincitore del Pesaro Doc Fest 2015.
Tra il 2014 e il 2015 gira i videoclip DARIO del gruppo I tre che vedono il re, MAL DI SETTEMBRE di Stefano Palmieri e IO SONO di Ilaria Graziano e Francesco Forni.
Dirige e interpreta il cortometraggio GIRO DI GIOSTRA con Michele Riondino, Tea Falco e Pippo Delbono nel quale hanno partecipato anche alcuni allievi del primo anno di Accademia Bordeaux. Il corto vince il premio Rai Cinema al Cortinametraggio Festival 2016, mentre il premio come miglior attore va a lui stesso.
Fa parte del cast di PECORE IN ERBA in concorso al Festival di Venezia 2015.

Enrico Roccaforte / Recitazione Teatrale

“Il teatro è la lente di ingrandimento attraverso cui la finzione deve farsi verità per raccontare l’uomo e le sue relazioni complesse. Scegliere di studiare teatro vuol dire assumersi la responsabilità di rendere il proprio corpo specchio di chi guarda, per questo imparare a stare su un palco significa sapersi muovere, saper reagire ad ogni stimolo, giocare e divertirsi con serietà, imparare ad ascoltare e ad ascoltarsi, guardare la realtà e interiorizzarla, saper improvvisare e sapere applicare una serie di tecniche come se il corpo fosse uno strumento musicale da suonare fatto di carne e sangue. Il respiro, il suono, l’azione, lo sguardo, ogni battuta, tutto va studiato con perizia e meticolosità ma va restituito con grande verità e con “un’artificiale” semplicità.”

BIO

Attore, Regista, Formatore, si è diplomato come attore nel 1998 presso la Scuola di Teatro Classico ‘Giusto Monaco’, diretta da Giancarlo Sammartano e Alvaro Piccardi. Sotto la guida di Jean Louis Martinelli nel 2001 affronta il corso di perfezionamento teatrale internazionale Ecole des Maitres diretto da Franco Quadri.
Attore, autore, formatore e regista, esordisce come attore nel 1996 nello spettacolo “L’Assalto al cielo”, con la regia di Tierry Salmon  con cui lavorerà anche negli anni a seguire.
Lavora in diversi film per il cinema e fiction televisive:
“Isola” di Fabianny Deshamps presentato ad ACID Cannes 2016, “Baaria” di Giuseppe Tornatore film d’apertura al Festival del Cinema di Venezia nel 2008, “Amiche da morire” di Giorgia Farina  e ancora ”Gli sfiorati” di Matteo Rovere e “Ristabbanna” di De Plano/Cardillo vincitore del RIFF 2012 come miglior film e ancora in Tv “Le cose che restano” di Gianluca Tavarelli accanto a Paola Cortellesi, “Squadra Antimafia 2/3” di Beniamino Catena e  “Catturandi ” di Fabrizio Costa con un ruolo fisso, e come protagonista di puntata ne “Il commissario Montalbano” in “RIS Roma” e in diversi cortometraggi tra cui “Nero Apparente” di Giuseppe Pizzo premiato come miglior corto italiano al RIFF 2009.
Dal 2000 lavora in numerose opere teatrali dirette da Antonio Latella affrontando autori come Shakespeare, Pasolini, Genet e Goldoni. E’ attraverso il lavoro con Antonio Latella sui testi di Pasolini che ha inizio la sua personale ricerca sul mondo della musica di tradizione orale che lo porterà nel 2010 a debuttare con la sua prima regia “Il Rosario” un dramma musicale, insieme a Clara Gebbia amica e collega che dopo varie tournèe nel 2013 è approdato a RaiRadiotre ed è ancora in programmazione.
Con il gruppo de “Il Rosario” formato tra gli altri anche dalla direttrice musicale Antonella Talamonti e dalla drammaturga Katia Ippaso nasce un collettivo teatrale chiamato “UMANE RISORSE” e con la nuova regia sempre diretta insieme a Clara Gebbia debutta “PARANZA il miracolo” spettacolo che dopo aver vinto la terza edizione dei teatri del sacro a Lucca nel 2013 che poi diventerà nella sua versione definitiva una coproduzione del Teatro Biondo Stabile di Palermo e del Teatro di Roma.
In Italia lavora anche con Scena Verticale, Marco Filiberti, Lorenzo Salveti, Enrico Zaccheo. Prende parte a diverse produzioni all’estero di teatro e danza con numerose compagnie, tra gli altri: “Furiosas” in Belgio, Anna Badora allo Schauspielhaus di Dusseldorf e ancora Antonio Latella a Colonia, Valerio Festi a Pechino.
Come coach autore e regista si dedica dal 2007 alla formazione per giovani attori, organizzando workshop e stage che hanno al centro del lavoro la ricerca di una verità scenica e/o cinematografica che sappia sempre tenere in considerazione la differenza dei mezzi espressivi e tecnici che il teatro e il cinema o la tv impongono. Dal 2015 insegna recitazione teatrale presso l’Accademia Bordeaux di Roma e dal 2016 insegna presso la Roma film Accademy a Cinecittà.
Inoltre ha realizzato diversi reading e concerti con attori musicisti e performer.
In questo momento sta lavorando alla sua prima sceneggiatura per il cinema insieme a Manfredi Giffone dal titolo provvisorio “Sezione 13” e al suo primo cortometraggio come autore e regista.

 

 

Cristiana Vaccaro / Recitazione e Improvvisazione

“La ricerca di una condizione di partenza, di una situazione interiore, di un obiettivo scenico che permetta di costruire un processo reale e credibile, che permetta di essere e non di rappresentare; quella verità semplice e organica che nasconde sia la fatica che l’artificio, che crea l’illusione e che fa sembrare, a torto o a ragione, che tutto sia semplice. Il mondo che ci circonda offre una grande quantità di modelli da cui attingere per capire cosa accade all’animo umano, cosa muove un’emozione o da dove scaturisce un sorriso. Osservare, mettersi in relazione, in ascolto con attenzione e curiosità, senza mai dimenticare le regole del gioco.”

BIO

Cristiana Vaccaro, attrice diplomata all’Accademia d’Arte Drammatica “Silvio D’Amico”. Studia con Luca Ronconi, Marisa Fabbri ,Perla Peragallo, Nicolaj Karpov del Gitis di Mosca e Jerzy Klesik dell’Ensatt di Lione e segue il corso di specializzazione in pedagogia. È tra i soci fondatori della compagnia teatrale “Circo Bordeaux”. Cura la direzione artistica della manifestazione “Lungo il Tevere Roma – Teatro” (edizioni 2015 e 2016). Al cinema interpreta una cortigiana per “Tale of Tales” di Matteo Garrone, in concorso al Festival di Cannes 2015. È Magda in “Noi Siamo Francesco” regia di Guendalina Zampagni. Partecipa al film “Se Dio vuole” di Edoardo Falcone, vincitore del David di Donatello come miglior regista esordiente. Lavora con Aurelio Grimaldi nel film su Pier Paolo Pasolini :“Un mondo d’amore” e nel progetto sul caso Moro “Se sarà luce sarà bellissimo”. È Carlotta Zann nell’horror movie “La casa sfuggita” di Ivan Zuccon, inteprete del film “Ovunque tu sarai” di Roberto Capucci e partecipa al film “Ti sposo ma non troppo” tratto dalla fortunata commedia teatrale di Gabriele Pignotta della quale è stata protagonista per una tournée di tre anni consecutivi. Tra il 2008 e 2010 partecipa come autrice e interprete della trasmissione “Ho perso il Trend” su RAI radio 1. A Teatro lavora tra gli altri, con Mauro Avogadro,Luigi M.Musati, Roberto Latini, Massimiliano Bruno, Marco Maltauro, Marco Andreoli e Gabriele Linari, cura la regia dei saggi di fine anno dell’Accademia Bordeaux e nel 2016 debutta ufficialmente alla regia con “Kent”, testo scritto da Marco Andreoli. Testimonial di campagne sociali per il Ministero del lavoro, Save the children e Marevivo. In TV è l’Ispettore Sonzogni per “La Nuova Squadra” (RAI TRE) la Signora Remoli nella sit com “Colpi di sole”(RAI TRE) e da settembre 2016 è in onda su Rai uno con “Un Medico in famiglia 10” come protagonista di serie, nel ruolo di “Maddalena”.

Daniele Pilli / Corpo e Movimento scenico

“Il corso di corpo e movimento scenico si articolerà in due parti: nella prima parte cercherò insieme agli allievi di capire il corpo di ognuno, nel peso, nello spazio, nella forma, nella dinamica, nella ritmica. Nella seconda parte analizzerò attraverso un’accurata selezione di scene di teatro, l’attitudine della costruzione del personaggio, da parte dell’attore, partendo proprio da un percorso legato al movimento scenico.

Come si muove il mio corpo d’attore?
Come si muove il mio corpo d’attore nel personaggio?
Come si muove il mio personaggio?

Qual’ è il suo ritmo?
Quali sono i tic, i difetti, i dettagli da cui partire?
Qual’ è la partitura fisica a cui arrivare?”

BIO

Nel 2000 si diploma presso l’Accademia d’Arte Drammatica “ Silvio D’Amico” di Roma. In Accademia comincia a sviluppare l’attitudine per le materie legate al movimento, diventando un trainer fisico.
L’anno successivo si laurea in lettere moderne presso l’Università “la Sapienza” di Roma.
Subito dopo l’Accademia comincia a lavorare con la danza, iniziano le collaborazioni con il Balletto di Toscana e il Balletto di Spoleto.
Dopo gli studi lavora con Giancarlo Nanni ne Il gabbiano di Cechov, nella prima edizione di  Favole di O.Wilde con G.Sepe, uno spettacolo solo di azioni e immagini che è stato replicato per dieci anni e con Giuseppe Patroni Griffi in Uno sguardo dal ponte di A. Miller.
Nel 2006 partecipa al progetto Thierry Salmon la nouvelle Ecole des Maitres, con il regista Antonio Latella e debutta al cinema con l’opera prima dei Fluid video Crew, Fine Pena Mai, che lo vede co-protagonista con Claudio Santamaria.
Con la regia di A. Latella nascono lo spettacolo Pericle di W. Shakespeare e H_ L Dopa ispirato a Risvegli di O. Sacks.
Nel 2008 prende parte alla Compagnia Europea della prima edizione del Napoli Teatro Festival con lo spettacolo le troiane di Euripide e nel 2009 sempre al Festival di Napoli debutta con lo spettacolo W Niatri, di cui firma anche la regia, insieme a Michele Riondino e Fabrizio Ferracane.
Dal 2011 al 2015 con Processo a Gesù di D. Fabbri inizia la collaborazione con Maurizio Panici, seguono poi Sogno di una notte di mezza estate di Shakespeare, Antigone di Anouilh , As you like it ancora di  Shakespeare con la Compagnia dei Giovani del Teatro Mancinelli di Orvieto diretta dallo stesso Panici.
Ha fatto parte del cast del film Oscar  La Grande Bellezza di Paolo Sorrentino, ed è uno della squadra di Catturand, nel nome del padre  la nuova serie Rai in uscita il prossimo autunno.
Con lo spettacolo I ragazzi del Cavalcavia, di Industria Indipendente vince il premio della giuria popolare al Dante Cappelletti.
Fa parte del cast della nuova serie Rai La mafia uccide solo d’estate, tratta dall’omonimo film di Pif, con la regia di Luca Ribuoli, che lo sceglie come attore e come acting coach.

 

Lisa Angelillo / Canto 

Lisa Angelillo

“Anche la voce diventa con gli anni una maschera che spesso usiamo per nasconderci, ecco perché i pensieri, le emozioni, gli spasmi dell’anima spesso non sono ben veicolati attraverso le parole. Cantare le parole può aiutare a liberare le inibizioni dell’uomo che inevitabilmente vengono trasferite all’attore spesso inquinando il suo lavoro. Il corso “Liberare la voce nel canto” affronterà in maniera personalizzata blocchi, tabù, tensioni e problematiche che possono compromettere ed impedire alla vostra voce di cantare. Il corso si articolerà in diversi step partendo da elementi primari come riscaldamento, esercizi, vocalizzi, cura della voce fino ad arrivare ad un approccio personalizzato che permetta ai singoli partecipanti di affrontare un’aria o una canzone liberi da problematiche individuali per dar spazio all’interpretazione attoriale nel canto.”

BIO

Attrice e cantante laureata in Lingue e Letterature Straniere, si forma e lavora come attrice spaziando dal teatro classico a quello contemporaneo ed unendo alle varie collaborazioni teatrali quelle musicali in qualità di mezzo soprano drammatico. Studia canto in conservatorio per tre anni preferendo poi il canto leggero a quello lirico. Continua dunque a perfezionare tecnica e studi con i Maestri Paolo Daniele, Eughenia Dundekova e Mary Setrakian proseguendo parallelamente anche il lavoro di attrice sotto la guida di Michael Margotta all’Actor’s Center di Roma (di cui diventa membro onorario nel 2008) Doris Hicks, Stavros Tzachiris, Francesca De Sapio, Enzo Garinei.

Dal 2001 lavora attivamente nel teatro musicale italiano alternando a questa principale attività concerti, recital ed insegnamento oltre a continuare la sua attività di attrice sia in teatro che in tv.

 

Leonardo Maddalena / Educazione del corpo

Educare il corpo alla scena non significa solo allenare i propri muscoli ma renderlo ricettivo attraverso ogni suo senso a una esperienza potenzialmente straordinaria.
Ricettivo è un corpo morbido che si rende disponibile allo sguardo dello spettatore e che dice, semplicemente, sono qui.
Allenare il corpo vuol dire poi fare esperienza del limite. Noi attori non siamo atleti, non dobbiamo battere nessun record. L’esperienza che ci serve da attori la sperimentiamo nel limite, al 31esimo addominale superando il nostro limite. In quel momento facciamo un’esperienza straordinaria, non quotidiana, come quando dobbiamo premere il grilletto di una pistola, magari contro di noi, o come quando chi amiamo sta partorendo nostro figlio. Non tutto possiamo vivere nella vita ma fare esperienza del limite attraverso un allenamento che va a stimolare l’immaginazione oltre che i muscoli è uno degli obbiettivi che mi interessano nella formazione di attori pronti.

 

BIO

Si diploma nel 2003 al Centro Sperimentale di Cinematografia, dove studia con Nikolaj Karpov, Natalia Svereva, Lucilla Lupaioli, Furio Andreotti, Max Farau.
Appena diplomato comincia un lungo sodalizio artistico con Pierpaolo Sepe, in 5 anni saranno otto gli spettacoli ai quali prenderà parte come, tra gli altri, La Divina Mimesis di Pasolini e Il Feudatario da Goldoni di Letizia Russo.
Nel 2006 partecipa al corso di perfezionamento di Santa Cristina di Luca Ronconi dove oltre al maestro e alle sue straordinarie qualità incontra il lavoro di Maria Consagra prima conoscitrice in Italia del metodo Laban.
Nel 2009 fonda insieme a Francesco Lagi, Francesco Colella e Mariano Pirrello la compagnia Teatrodilina, uniti dal credo che il teatro possa ancora essere il gesto più contemporaneo e dirompente.
Numerose sono poi le sue partecipazioni a fiction televisive tra le quali C’era una volta la città dei matti e Rino Gaetano con la regia di Marco Turco, prossimamente invece sarà nel cast di Tutto puó succedere 2 per la regia di Lucio Pellegrini.

 

Giada Prandi / Voce e Dizione

 Lo studio della corretta dizione, secondo il mio punto di vista, può avvenire in maniera proficua soltanto partendo da un lavoro sul respiro, sulla voce e sul corpo. Il corpo è la cassa di risonanza della nostra voce e quindi delle nostre emozioni. Solo dopo aver imparato a utilizzare e a gestire la propria voce in maniera efficace e in tutte le sue infinite possibilità, attraverso uno specifico training vocale e fisico e una serie di esercizi mirati, si arriverà in modo armonico e funzionale a parlare e articolare correttamente il suono, controllando al meglio anche la propria emotività, che se mal gestita spesso blocca l’attore e non gli consente di comunicare con la voce e con il corpo in modo chiaro ed incisivo il suo pensiero. Il mio corso di educazione della voce e dizione ha quindi come obbiettivo quello di mettere ciascun allievo in condizione di trovare la propria voce organica, di utilizzarla al meglio nelle sue molteplici possibilità e sfaccettature, di potenziarla e liberarla da eventuali cadenze dialettali e difetti di pronuncia, acquisendo così un utilizzo più consapevole del corpo e dello strumento voce. 

 

BIO

Attrice e formatrice, da oltre 15 anni si divide tra teatro, cinema e televisione interpretando diversi ruoli. La sua versatilità l’ha portata nel tempo a specializzarsi anche come formatrice per laboratori teatrali e corsi di dizione, educazione della voce e public speaking. Dopo essersi diplomata nel 1999 all’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica Silvio D’Amico di Roma, si perfeziona studiando con vari maestri della scena contemporanea tra cui: Leo De Berardinis, Nicolaj Karpov, Augusti Humet. Nel suo percorso teatrale, che spazia dal comico al drammatico,ha lavorato con Max Caprara,Marco Maltauro, Simone Carella, Giancarlo Nanni e Manuela Kustermann, Roberto Guicciardini, Luciano Damiani, Luciano Melchionna, Gabriele Pignotta, Juan Diego Puerta Lopez, Giles Smith, e molti altri. Per il cinema e la televisione ha lavorato con diversi registi, tra i quali: Michele Placido, Pupi Avati, Lodovico Gasparini, Gianfranco Albano, Andrea Barzini. Nel 2007 fonda l’associazione culturale/compagnia AUT-OUT che si dedica all’organizzazione di eventi legati alla cultura, alla produzione teatrale e in particolar modo alla formazione, collaborando con vari artisti. Da diversi anni, infatti, Giada Prandi si dedica anche all’insegnamento tenendo corsi e laboratori di teatro in varie realtà e importanti scuole di recitazione: è docente di dizione e voce al “Teatro dell’Orologio” (Roma, 2015/2016), a “La Casa dello spettacolo” nei corsi di Attore Teatrale e Attore Cantante (Roma, 2013/2014), nei corsi organizzati dalla stessa associazione culturale Aut-Out (Roma, dal 2010 al 2016) e per lezioni private a giornalisti, manager, formatori e insegnanti, attori etc.